SCUOLE

Le proposte di Atir Teatro Ringhiera per le scuole si orientano, da sempre, verso un duplice percorso che tiene conto sia dell’esperienza del “guardare”, sia quella del “fare”, dimostrando quindi una coerenza di fondo con le recenti indicazioni strategiche per l’utilizzo didattico delle attività teatrali pubblicate dal Ministero dell’Istruzione per l’anno scolastico 2016/2017.

La fruizione degli spettacoli come spettatori, fondamentale per l’attivazione di processi simbolici e lo sviluppo di capacità ermeneutiche, è accompagnata da un percorso di formazione che prevede incontri con gli artisti sia prima che dopo la visione dello spettacolo, con l’obiettivo di arricchire le capacità interpretative e accogliere le istanze cognitive ed emozionali che possono emergere.

Mentre per le scuole primarie si prevede una programmazione in orario scolastico, per le scuole secondarie di primo e secondo grado si offre la possibilità di scegliere tra la programmazione dedicata in occasione di repliche scolastiche e quella in orario serale, per abituare i giovani spettatori ad uno sguardo più autonomo e indipendente e ad un ascolto attivo, favoriti anche dalla compresenza con un pubblico adulto e consapevole.

Per saperne di più sugli spettacoli per le scuole

L’esperienza di produzione, del “fare teatro”, viene declinata attraverso la proposta di  laboratori progettati in base all’età dei partecipanti. L’esperienza del laboratorio teatrale permetterà ai ragazzi di sperimentarsi in un lavoro di gruppo e sviluppare, attraverso linguaggi differenti propri della pratica teatrale, competenze relazionali e comunicative. I ragazzi saranno stimolati dai conduttori in un processo creativo che li metta in relazione in un rapporto sinergico che possa sfumare le diversità e permetta di creare una fucina di idee e risorse al quale anche i docenti potranno attingere.

Lo spazio-tempo laboratoriale condotto da un attore ATIR, affiancato sempre da un educ – attore (educatore professionista dotato di una formazione teatrale riconosciuta), sarà prevalentemente creato dall’attività stessa dei ragazzi i quali, sentendolo proprio, saranno incentivati all’impegno artistico e potranno liberare l’immaginazione lasciando che sia la creatività a guidare il loro lavoro.

Per saperne di più sui laboratori

Share