Matinée scolastiche 2018-2019

Martedì 11 e mercoledì 12 dicembre 2018 ore 11.00 – Pacta dei Teatri – Salone di via Dini
IL GRAN TORNEO DELLE RELIGIONI
Spettacolo/esito del laboratorio con gli Over60 di ATIR Teatro Ringhiera | conduzione a cura di Arianna Scommegna e Mila Boeri | drammaturgia di Arianna Scommegna , Mila Boeri e Renata Ciaravino, liberamente tratta da “II Re, il Saggio e il Buffone” di Shafique Keshavjee
scuole secondarie di primo e secondo grado

Leggi di più

Che cosa succede quando un ateo, un buddista, un indù, un mussulmano, un ebreo e un cristiano sono chiamati a confrontarsi e a dire ciascuno la propria verità?”, questa la domanda centrale del libro di Keshavjee a cui lo spettacolo si è ispirato.
A partire da questa suggestione il gruppo del laboratorio degli Over60 di ATIR, guidato da Arianna Scommegna e Mila Boeri, ha affrontato un percorso di ricerca e conoscenza prima di affrontare il testo teatrale: il gruppo ha incontrato esponenti delle diverse religioni per approfondire, confrontarsi e contestualizzare il messaggio di ciascuna religione.
Il lavoro che ne è scaturito è uno spettacolo che non offre risposte “assolute” ma si presenta come uno strumento di dialogo e approfondimento che permette di abbattere le barriere.
Uno spettacolo adatto alle nuove generazioni che offre la visione di un mondo plurale in una società democratica.

Prenotazioni 02.87390039 – scuole@atirteatroringhiera.it

Martedì 5 e mercoledì 6 febbraio 2019 – Teatro Bruno Munari ore 10.00
ATIR HIGH SCHOOL – Addestramento per supereroi quotidiani
Spettacolo esito del II anno del laboratorio teatrale per cittadini abili e diversamente abili all’interno del progetto Gli spazi del teatro, a cura di ATIR Teatro Ringhiera e Coop. Soc. Comunità Progetto
Drammaturgia e regia Annagaia Marchioro e Virginia Zini | educ-attrice Valentina Ledono |scene e costumi a cura degli allievi del II anno dell’accademia Naba di Milano |con Giovanni Ogliari, Alessandra Caladonato, Mila Boeri, Natascia Cerri, Claudia Gipponi, Francesco De Andrea, Giulia Cappellini, Valentina Ledono, Lucia Nicolai, David Remondini, Francesca Cionti, Cristina Ciminaghi | produzione ATIR Teatro Ringhiera
scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado

Leggi di più

“Benvenuti all’Accademia per Supereroi più rinomata d’Europa: A.T.I.R. – Action Training for Incredible Human Reality”. Un college molto particolare, una scuola dove l’ordinario viene messo in discussione e dove la realtà si mescola alla fantasia. Allievi incredibili e docenti soprannaturali vi aspettano per l’apertura del nuovo anno scolastico, e per ricordarvi che:
Supereroi non si nasce… si diventa!
A.T.I.R. High School è uno spettacolo pop e divertente che unisce lo humor a momenti molto poetici. Siamo andati ben oltre la distinzione tra abili e disabili, abbiamo deciso di occuparci unicamente di supereroi. Unire abilità motorie e cognitive di vario tipo, ha permesso al gruppo di confrontarsi, attraverso un lavoro sul presente, sul qui ed ora che sono alla base del fare teatro, una conquista per l’attore professionista o per l’attore in generale che la “disabilità” aiuta a conquistare. Un lavoro che ci ricorda che supereroi non si nasce, super eroi si diventa, nello sforzo quotidiano dell’esserci, nel prendersi cura di sé e degli altri e soprattutto nel combattere chi crede che la realtà sia quella che si vede.

Prenotazioni 02.27002476 – ufficioscuola@teatrodelburatto.it

Mercoledì 27 febbraio ore 10.30 – Teatro Carcano Centro d’Arte Contemporanea
LE ALLEGRE COMARI DI WINDSOR
di William Shakespeare | adattamento Edoardo Erba | regia Serena Sinigaglia | con Mila Boeri, Annagaia Marchioro, Chiara Stoppa, Virginia Zini, Giulia Bertasi | scene Federica Pellati
 | costumi Katarina Vukcevic | consulente musicale Federica Falasconi | assistente alla regia Giada Ulivi | coproduzione Fondazione Teatro di Napoli/Teatro Bellini e ATIR Teatro Ringhiera

Leggi di più

La riscrittura di Edoardo Erba e la regia di Serena Sinigaglia riadattano, tagliano e montano con ironia Le allegre comari di Windsor, innestando brani, suonati e cantati dal vivo dal Falstaff di Verdi.
In scena solo la signora Page, la signora Ford, la giovane Anne Page e la serva Quickly, che danno parola anche ai personaggi maschili, assenti ma molto presenti: mariti, amanti, e, soprattutto, il più grande, non solo per stazza, Falstaff. Da lui tutto comincia e con lui tutto finisce. Le lettere d’amore che il Cavaliere invia identiche alle signore Page e Ford sono lo stimolo per trasformare il solito barboso e very british pomeriggio di tè in uno scatenato gioco dell’immaginazione, del desiderio, del divertimento. “Punire” quel porco di Falstaff, che osa far loro esplicite richieste d’amore, diventa il grimaldello per sentirsi ancora vive.

Senza Falstaff, non ci sarebbe divertimento o sfogo per le signore Page e Ford, che, come le Desperate Housewives, sono donne di mezza età, borghesi, annoiate e un pizzico bigotte, con routine consolidate, mariti assenti e desideri sopiti.
«Per la sua ostentata dissolutezza in Falstaff si possono scorgere dei tratti di Don Giovanni e respirare aria buona di libertà; nella sua evidente “decadenza” si rispecchia quanto di più umano e disarmato si possa concepire», ci racconta la Sinigaglia, che ha voluto in scena anche una fisarmonicista che, oltre a suonare dal vivo le note di Verdi, interpreta Fenton, il grande amore di Anne, «un ruolo “en travesti” – prosegue – come vuole la tradizione shakespeariana (ma al contrario!)».

Prenotazioni 02.55181377/ 02.55181362 – promozione@teatrocarcano.com

Giovedì 28 e venerdì 29 marzo ore 11.00 – Pacta dei Teatri – Salone di via Dini
ANTIGONE E LE GUERRIERE DAI CAPELLI BIANCHI
Studio teatrale esito del II anno de “Gli Spazi del Teatro”- progetto di teatro integrato per cittadini abili e diversamente abili a cura di ATIR Teatro Ringhiera e Coop. Soc. Comunità Progetto. Con la partecipazione degli studenti del liceo artistico statale di Brera | conduttori Chiara Stoppa e Arianna Bianchi, educ-attrice Valentina Ledono
scuole secondarie di primo e secondo grado

Leggi di più

Antigone e le guerriere dai capelli bianchi è una storia che ne racchiude tante altre; è un racconto originale, ambientato in una casa di riposo, dove alcune anziane protagoniste si ritrovano ad affrontare un compito ardimentoso; è una riscrittura – libera, anzi liberissima! – da Sofocle, che dà voce al singolo e al coro, alla forza del gruppo e al coraggio del gesto individuale; è l’esito finale del secondo anno del progetto “Gli Spazi del Teatro”, percorso di teatro integrato, con attori abili e diversamente abili, volto alla costruzione di linguaggi e modalità comuni e universali, senza mai perdere l’eccezionalità di ciascuno; è, infine, un’occasione di gioco e analisi di un tema capitale – quello della “ribellione” – declinato secondo l’esperienza personale.
In scena, tra gli attori, un gruppo di studentesse del progetto triennale “Alternanza scuola/lavoro” in collaborazione con il Liceo Artistico Statale di Brera.

Prenotazioni 02.87390039 – scuole@atirteatroringhiera.it

Share